Nullatown

Il vento, l’aria di montagna mista alla salsedine, un brano di Ed Sheeran, i piedi nudi. Il silenzio. Soprattutto il silenzio, la cosa che più mi è mancata in questi mesi. Stasera scrivo da Nullatown. Un’altra casa ma stessa località. Starò qui per un po’. Trascorrerò qui le vacanze. Si insomma nullatown non sarà Honolulu ma in questo momento mi sembra la località più bella del mondo. Isolata da tutto e da tutti. Lontana da casa, dai guai. Lontana dalla civiltà. Ho cenato al tramonto e ho goduto della vista del mare. E forse ho bisogno di questo. Ho bisogno di calma e di nuove energie. Forse è la volta buona che riesco a non pensare più a quello scemo di Gin che ha trovato la sua preda estiva. È di nuovo in fase lovebombing, a me viene da ridere, un’altra poveretta che si sentirà una dea e penserà di aver trovato l’uomo perfetto. Contento lui. Io invece lunedi dovrei vedermi col biologo che è ricomparso. Non lo so chi me lo fa fare. Per la verità ammetto di vederlo perché lo sto facendo aspettare da più di un mese ma non credo di essere attratta di lui. No chemicals. No fireworks baby. Non scatta. Anzi quando parla mi darei le testate. Per ogni cazzata mi deve dare la spiegazione scientifica dettagliata e parte la parentesi del mondo di quark e la secchezza vaginale. L’altra sera mi ha fatto un pippone sull’entropia di venti minuti. Per messaggi. Comunque ha il fisicaccio. Quello si. Ma che te ne fai se poi non riesci a parlarci? Perché con quel bastardo riuscivo a parlare giornate intere? La verità è che nessuno è lui. Non mi piacerà mai nessun altro fin quando non lo avrò dimenticato. Mi basta pensare ai suoi occhi e mi si contorce lo stomaco. Ancora adesso. Ho il cuore scemo. S’è rincoglionito. Ok ok. Giuro che ci lavorerò. Giuro che lo cancello. Forse.

Annunci

Chi l’ha visto?

Ma quelli che spariscono, esattamente dove vanno? Si radunano? Hanno un gruppo di scomparsi anonimi, organizzano festini? Io boh.

É sparito il biologo. Ma proprio sparito. Senza nessun motivo non mi scrive più. Gli avevo detto che questa settimana avremmo potuto vederci e lui ha pensato bene di sparire. Non fa una piega. Mi ha sfinito per un mese e ora che mi sono liberata della scuola e dei saggi è desaparecido. Ma gli uomini nel cervello hanno la segatura. Comunque a questo punto credo sia meglio non essere uscita con lui, avevo avvertito segni di squilibrio mentale. Tipo il fatto che gli è morto il gatto e si è preso un gatto uguale identico, stesse striature, e l’ha fotografato sotto la gigantografia del gatto precedente. Tipo che il caffè nel tiramisù lo mette con la pipetta pasteur per essere certo delle dosi, tipo che prende maca peruviana, che ho scoperto essere una compressa, per essere più energico (pure a letto). La cosa mi preoccupa. Io ve lo dico. Ma un disgraziato normale, mai???

Mi arrendo. Ve lo giuro. Ah giusto per dovere cronaca. Neanche il mio ex ha avuto il coraggio di incontrarmi dopo tre anni. Non si è fatto sentire il giorno dopo. Quindi non so neppure se sia venuto in città o meno. Il mio ex, Fritz,è world champion di desaperecidos. Lui vince tutti i premi. Mi evita da anni. Che io ogni tanto me lo chiedo che ci sono stata a fare? Però un merito glielo attribuisco. Il mio primo ragazzo ha portato il rock e le moto nella mia vita, era un chitarrista metallaro, il secondo Fritz ha portato il sesso serio, giusto quello, il terzo, Gin ha portato solo un gran casino ma gli voglio un bene dell’anima. Non ho fretta di avere storie, non ho fretta di uscire con un altro psicopatico. Penso a me. Proprio oggi ho prenotato una vacanza insieme a due amiche tedesche. Bisogna coccolarsi. Bisogna staccare la spina. Ho anche saputo che tornerò a nullatown, un’altra casa ma stessa località dispersa nel nulla. Insomma tra qualche giorno mando tutti a quel paese. Uomini compresi. A loro ci penserà la Sciarelli. A settembre magari.

Ring

Ci sono quasi 30 gradi oggi e io sono a letto con la febbre alta. Non me ne ero neppure accorta di avere la febbre tanto ero presa da miei impegni e dalle scadenze di questo periodo. Invece il termometro segnava 39 e le gambe non riuscivano quasi più a sostenermi. Credo che a un certo punto il fisico dica basta. Forse dovevo staccare. Oggi non sono andata a lavoro ma domani ho il saggio di fine anno e mi gioco tutto. Spero che i bambini non dimentichino nulla. Le prove ieri sono state un disastro. Help. Per quanto riguarda tutto il resto continuo a sentirmi con regolarità con mr biologist. Non ci siamo ancora visti ma per causa mia. Voglio togliermi il pensiero dei saggi prima e poi sarò più libera. Lui ha già progettato mille cose da fare insieme, ogni giorno me ne propone una. Mi ha perfino scritto che mi vuole stra viziare. A me mette paura. Mi sembra che mi stia idealizzando troppo, che stia correndo troppo. Nemmeno mi conosce e dice che sono la donna della sua vita. Ogni tanto ha degli atteggiamenti perfino paranoici. Comunque dopo averlo visto mi chiarirò le idee. Non riesco lasciarmi andare completamente. Io continuo a pensare a Gin, che è da malati. Non lo so perché. È il peggio stronzo che abbia conosciuto in vita mia. Non lo so dimenticare. Insomma è un gran bel casino interiore. Un ring dove al tappeto ne esco sempre io. Ad ogni modo non voglio precludermi niente… credo che sia giusto vivere questa situazione per capire cosa è meglio per me…

Tre anni dopo

“Domani sera sono a Pa ci vediamo.”. Se questo messaggio lo avessi ricevuto tre anni fa avrei fatto un balzo dalla sedia. Fritz, il buon vecchio Fritz, il mio ex è qui in città. E siccome è notoriamente sfacciato non si è posto il problema. Rivedersi. Tre anni dopo rancori, silenzi, bugie. Tre anni di vita in cui siamo stati estranei. Che infame la vita, eh? Non c’ho capito niente. Fritz è stata la mia storia più importante. Lui è stato molto importante per me. Non lo posso negare. C’è stato un momento della mia vita in cui avrei mandato tutto in aria per seguirlo in capo al mondo. Poi una sera me lo sono trovato al ristorante seduto nel tavolo accanto al mio quando sapevo che sarebbe stato in un’altra città ed ho capito che era un pezzo di merda. Mi ha evitato per anni. Un giorno mi ha chiesto scusa, c’è stato uno pseudo chiarimento e per lui ora è tutto ok. Ma non funziona così. Io ho ancora lo scotch sul cuore malandato. Rappezzato. Dopo di lui non mi sono più fidata di nessuno. Fin quando è arrivato Gin. E mi ha fregato pure lui, forse anche di più. Non ho problemi nel rivederlo. Anzi, da un lato mi farebbe anche piacere, ma significherebbe scavare dentro. Non lo so se sono pronta a sostenere il suo sguardo. Perché è sempre tutto cosi complicato??? Ma nemmeno nei film. Ma ci rendiamo conto che ora che non me ne frega più niente che sto male per un altro, mi cerca nuovamente lui??? Aggiungiamo pure mr biologist che mi tampina e la frittata è fatta. Comunque a me viene da piangere. Davvero. Questo è troppo pure per me.

Puntata zero

Deve essere per forza così. Quando ti imbatti con qualcosa più grande di te, con qualcosa di sconosciuto, ti prende la paura. La paura del nuovo, di quello che potrebbe o forse non potrebbe succedere. E io ora sto un po’ così, tra incudine e martello. Mr biologist continua a tampinarmi. Mi pressa per vedermi. Tutto ciò da un lato mi fa piacere, dall’altro mi fa incazzare. Devo dettare io i tempi. Non lui. La pressione non la tollero. Se vuole aspetterà. Fosse solo per un gelato. Voglio essere pronta e consapevole che quella sarà la puntata zero di un nuovo format della mia vita. Il punto di svolta col passato. Bene o male che vada. Non voglio buttarmi tra le braccia di qualcuno per un diversivo o per un banale chiodo schiaccia chiodo. No. Voglio che quell’incontro sia desiderato, da entrambi. Lui ha chiuso una storia importante da poco e questo mi fa storcere il naso. Non sono e non voglio essere una tappabuchi o la parentesi di turno per sopravvivere alla crisi estiva. No. Inoltre il mio odio verso il genere maschile in questo momento tocca vette altissime. Ho perfino pensato di uscire con una donna tanto è il mio odio. Mi sto prendendo cura di me. In questo periodo non voglio pensieri, non voglio complicazioni, ho già le ossa rotte per il ritorno di Fritz (ancora in corso) e le ciglia lunghe di Gin (mannaggia a lui). Devo star lontana dai maschi. Tutti. È meglio. Portano solo guai. Ma poi, io che ho fatto di male? Che vogliono da me???

Sono nata scema

I meccanismi che dominano noi uomini sono del tutto incomprensibili. Siamo soggetti a forze più grandi di noi, ingestibili e capricciose. Me lo avevano detto, me lo aveva detto una specie di lettrice di tarocchi: le tue scelte saranno sempre dominato dal cuore.  Non avevo bisogno di sentirmelo dire da lei, ma è la pura verità e mi arrendo al fatto che io, grande grandissimo disastro umano, abbozzo di donna forse e pure venuto male, io proprio con le emozioni mi scontro tutti i giorni. Dannazione, eppure la testa va a mille, ma il cuore no. Il cuore frena tutto. Dovrei sentirmi al settimo cielo, dovrei sentirmi felice e invece ora mi sento esattamente una merda, perché sto tradendo il mio cuore.  Ho scambiato il numero con un ragazzo che abita a due passi da casa mia, ci stiamo sentendo, va tutto bene, è carino, è dolce, sta cercando di far colpo su di me in tutti i modi. Io lo ascolto volentieri, sto provando a scoprirlo, a capirlo -con diffidenza, che quella mi contraddistingue – ma sto cercando di aprire un varco per far entrare luce, di rattoppare gli squarci nella carena. E invece mi sento l’ultimo essere sulla terra, quello più viscido. Perché sto dando possibilità ad un altro. Perché tradisco me stessa. Perché no, lui non è l’altro. E io per l’altro ho smosso i mondi. La domanda è: ma lui che ha fatto per te? niente… è rimasto dentro (a suo modo) Lotto. Lotto perché da un lato ho emozioni, dall’altro ho la testa che mi dice: provaci, buttati, dagli una possibilità… E poi quella stessa testa mi mette davanti colori, profumi, parole che equivalgono a ricordi. Ogni mattina quando incontro quel ragazzo che gli somiglia piango. Me lo trovo davanti a sorpresa ed è un pugno in faccia. e’ come averlo lì. No lui queste paranoie non se l’è mai fatte. Lui quando scopa con  le altre non pensa a me. Come si fa? Ditemelo. Come si fa a dimenticare il passato? come si guarisce? dov’è il tasto reset?  Penso che uscirò con questo ragazzo, lo devo fare. Forse ho bisogno anche io di capire. O forse lo so, ma lo voglio ignorare perché è un suicidio. Sono nata scema. Sono nata sbagliata.