Viola

Continuo a guardare quei due piccoli segni violacei sul mio collo. Si distinguono esattamente le tue labbra. Mi porto dietro un piccolo e livido ricordo di te, come la nostra storia.  Quella che non c’è mai stata ma che ti ha solcato la pelle. Sei il veleno peggiore. Quello che non lascia scampo. Non riesco a staccarti gli occhi di dosso.  Quei maledettissimi occhi con quelle ciglia lunghe. Ogni volta che abbassi lo sguardo e inclini un po’ il capo si scatena una reazione chimica incomprensibile. E no. Non è cuore. E’ pelle. Solo pelle. Solo voglia di fondersi con la consapevolezza che da domani saremo ancora estranei come è giusto che sia. Ma la pelle continua a urlare. Quei graffi e quei morsi sono la giusta punizione o vendetta per gli schiaffi che ti darei. Volevo solo farti soffrire un po’. Volevo che mi desiderassi ancora. Volevo ricordarti che se mai mi vorrai non sono più tua. Volevo ricordarti che ti posso usare come e quando voglio, che adesso scelgo io. Volevo ricordarti che puoi scoparti tutte le ragazzine che ti pare, ma una donna sa cosa vuole, come ottenerlo e come spiazzare. Ora che ho compiuto la mia vendetta posso dormire sonni tranquilli. Tutto quello che è successo quella sera rimane un nostro segreto. Lo aggiungerò ai nostri racconti.

 

Annunci

Pensavi fosse amore invece…

Esattamente tra una settimana dovrò fare un’altra valigia. Ogni valigia corrisponde ad un cambiamento. Da sempre. Credo che questa sia la fase 3. Proprio come in Mr Robot. La fase di ripristino. Riportare tutto al punto di partenza.  L’annullamento.
Non lo vivo serenamente questo week end, mi angoscia parecchio a dire il vero. Mi sento tra due fuochi. Due persone importanti del passato che mi stanno col fiato sul collo. Due potentissimi veleni per me.
Non mi preoccupa tanto Fritz ( il quale qualche settimana fa pensando che fossimo nella stessa città aveva chiesto di vedermi…) quanto Gin.  Lui verrà a saperlo. Non lo so cosa succederà. Prego tutti i giorni che mi stia lontano. Ho paura. Non di lui. Di me. Perché so quanto potere abbia ancora. So che in questi giorni ha chiuso con la ragazzina rossa,  quella che era un mix tra cugino e it e la bambola assassina. Non so cosa sia successo ma conoscendolo immagino che abbia trovato di meglio. Sono praticamente certa che abbia il giocattolino nuovo primavera-estate.  I suoi giocattoli vanno a cicli di due-tre mesi. Ragazzine per lo più appena maggiorenni o ventenni,  sceglie quelle plasmabili. Adesso la rossa piange sconsolata sui social, si aggiunge alla lista. Mi verrebbe di andare da lei , darle una pacca sulla spalla e porgerle un kleenex: ” oh, poverina, pensavi di aver trovato il vero amore, invece era uno stronzo, lo so… è successo anche me…”
Ormai è una barzelletta. Il paradosso. In 6 mesi, ha spezzato il cuore non so a quante persone. Che poi lui non è nemmeno cattivo, secondo me è superficiale nei suoi rapporti. Boh…. Questa settimana è successa una cosa che mi ha fatto incazzare parecchio. Una cosa che non era mai successa. Mi ha dato da pensare. In un certo senso mi ha anche fatto spalancare gli occhi.
Non lo so… vedremo in sti giorni. Ad ogni modo ne approfitto per riposare un po’,
Il resto si vedrà….