Uno scherzo

Una mattina come tante ti alzi, indossi il maglione nuovo, quello che hai acquistato da poco, di cui ti piaceva il colore ma non ti convinceva poi tanto eppure lo prendi lo stesso, bevi un cappuccino al volo, controlli l’orario, è tardi devi correre a lavoro.
Prendi la giacca e scappi, LO saluti al volo, da lontano, pensi tra te e te “non gli ho neppure dato un bacio prima di andar via, lo farò al mio rientro”
“Ciao, io vado, non farmi brutti scherzi eh…”
ore 12,30 a scuola, mi appresto a fotocopiare i test di verifica per la prima classe, sono indietro col programma.
“è arrivata una telefonata per te, devi andare subito a casa…”
In quel momento non capisco, non realizzo, prendo la borsa entro in macchina, poi il freddo. Intuisci. E’ successo. Lo scherzo ha deciso di fartelo. Mentre eri via. Mentre non potevi stringergli le mani. Non ti ha permesso di salutarlo.

Entro in casa, sembra un film, non ci credi, non è vero…
tua madre in lacrime, tuo fratello sconvolto. Lui li, fermo, immobile, assente, non c’è più. Non ti ha aspettato.
il mondo si ferma. Si ferma tutto. Respiro.
E non hai il tempo di pensare, di capire, di accettare che già ti parlano di fiori, vasi, necrologi, mogano, foto effetto santità o casual. E arrivano tutti, e la casa si riempie e tu fissi quel vuoto e quel corpo e non lo riconosci già più.
Sono i particolari quelli che poi ti rimangono dentro e ti martellano.
Le mani, le orecchie, le palpebre, il profumo di fiori…
E qualcuno ti abbraccia, qualcuno ti sussurra qualcosa ma tu non li guardi, non li ascolti. Ti arrabbi col destino, ti arrabbi pure con lui.
Bello scherzo.
Consapevolezze.
Prese di coscienza.
Tocca a me adesso. Tocca a me prendere il suo posto.
Incognite. La mia terza vita comincia adesso.
Non si è mai pronti. Neanche quando lo sai già.
ti arrendi al fatto che siamo niente, solo pedine.
Ingoi il boccone, indossi il tuo vestito migliore e volti pagina.
Dentro sto morendo un po’ anch’io, lo camuffo con sorrisi smaglianti. Celo il disordine e lo scompiglio.
Non piango neppure. Non posso, non devo.
Invece vorrei gridare. Invece vorrei quell’abbraccio sincero di un uomo che mi dica, ehy ci sono io.
Poi  rimani sola e fai  finalmente i conti.

E ti accorgi che  in fondo la morte ti stava seduta nella stanza accanto già da qualche tempo,lì, beffarda, crudele, sempre li,  ha solo aspettato che indossassi il  tupmaglione nuovo, quello che non ti convinceva poi tanto.

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

9 thoughts on “Uno scherzo

  1. Momenti in cui la confusione maschera quello che ognuno di noi, nella propria intimità sta provando. Sono passaggi difficili, come tanti nella Vita, ma se ne esce con una nuova consapevolezza, con un nuovo senso delle cose e del tempo che scorre. Si cambia dentro e, quelle che sembravano certezze, diventano gli interrogativi per andare avanti.

    Un bacio.
    Ciao.

  2. Ho avuto un lutto importante nella mia famiglia una settimana fa.
    E’ vero, anche nelle situazioni più gravi non si è mai pronti. E poi resti solo, con tutti i tuoi interrogativi, e con la vita intorno che ti chiede di tornare alla normalità, anche se dentro sai che non sarà più come prima, ma…dobbiamo continuare a sognare e a non arrenderci.
    Anche se non ti conosco, ti mando un abbraccio virtuale.
    Marco x

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...