talenti nascosti

E quando arriverà l’inverno, con le sue nevi monotone, serrerò porte e finestre per  fabbricare nella notte i miei palazzi fatati. (Charles Baudelaire).

Questo è quello che scrivo il mio caro Charles all’interno di “les fleurs du mal.” E io da grande sognatrice quale sono gli credo pure,…la neve, la magia, le fiabe, il mondo di frozen… Invece no…arriva il gelo e puntualmente con essa anche la febbre…inaspettata e infame. Ma del resto la colpa è mia, perché sono un po’ matta, e quando arriva la pioggia, la grandine, il vento, non mi limito a guardarla da dietro ai vetri, no…devo aprire la finestra, ascoltare il rumore dei chicchi che cadono, le gocce che danzano e respirare il profumo della terra bagnata…
Forse fa parte un po’ di me. Non mi piace essere spettatrice nella vita, preferisco spalancare le porte e vivere le emozioni così come si presentano, e poco importa se il giorno dopo sarò a letto con la voce da camionista e i capelli arruffati.
Oggi sono una specie di spaventapasseri con le guance rosse e le mani gelide.  In realtà le mani gelide le ho sempre avute. Mio padre quando tornava da lavoro prendeva le mie mani piccole tra le sue enormi, le teneva strette per un po’ e immediatamente riacquistavo tepore. Lui aveva le mani da leone, sembrava quasi che le mie sparissero, e questo è uno dei gesti che più mi mancano nella quotidianità.
Adesso invece non mi è più permesso neppure di star male. Sembra quasi che sia “fuori luogo” quando hai un malato terminale che ti dorme nella stanza accanto. E in fondo è vero….che vuoi che sia in confronto? Mi sento quasi stupida, eppure oggi pome la mia fronte scotta.  E domani lavoro…
Sarà una settimana tosta, impegnatissima. Come se non bastasse domani opereranno anche mia madre. il solito tempismo perfetto del sistema sanitario italiano. Operazione richiesta un anno fa, effettuata 13 mesi dopo, esattamente due giorni prima la mia partenza. Perfetto direi. Lascerò mia madre immobilizzata a casa …. Penso di aver un specie di talento per scegliere le date sbagliate per le mie partenze… L’anno scorso quando sono andata da Fritz ho lasciato l’intera famiglia a letto con la febbre. Beh, poco male…
Ok..credo proprio che tornerò a letto…magari più tardi resuscito.
Che l’aspirina sia con me….

 

 

 

Annunci

3 thoughts on “talenti nascosti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...