Houston…

Paura, tanta paura. Non ho mai avuto tanta paura come in questo momento della mia vita. Paura da paralizzare le gambe, da star male. Perché ci si sente infinitamente piccoli davanti a una marea di guai….E li vedo tutti schierati davanti a me, tipo titani, eccoli li i miei guai in fila uno ad uno, e le loro ombre. Da qualche parte ho letto che non bisogna aver paura delle ombre, perché non esiste ombra senza luce…allora voglio pensare che le ombre poco rassicuranti che circondano la mia vita in questo momento siano nuvole che oscurano solo la luce. Non sto bene in questi giorni. Ho incubi…Nascono dalla consapevolezza, perché è inutile nascondere la testa sotto la sabbia, lo sappiamo bene qui che Houston ha un problema e anche più d’uno. E’ chiaro che i problemi debba risolverli io e soltanto io. Non capisco perché la vita si accanisca, è veramente antipatica a volte.
sento già le ossa abbastanza spezzate, ma non ho neppure il tempo di stare a guardare le ferite, devo pensare a domani. INEVITABILMENTE.
Il tempo scorre, la vita scorre, e anche questa volta sono chiamata a mettere da parte me per risolvere tutti i fardelli che mi hanno lasciato altri. Ok.
Sono una guerriera, lotterò anche questa volta. Non mi sono mai arresa, eppure adesso non garantisco il risultato, tanto più che tra poche settimane potrei avere il colpo di grazia. Allontano quel pensiero, ma ne sono quasi certa.
Cerco comunque di distrarmi, di non pensare a tutto ciò, altrimenti ci si annega dentro.
E io il sorriso non lo voglio perdere. Perché si insomma, possono privarmi di tutto, ma il sorriso no, ce l’ho ben stampato in faccia.
Egoisticamente, anche se con molte titubanze, tra qualche giorno farò la valigia e starò via per qualche giorno. Fuori con amiche per staccare la spina. Voglia di evadere, di vedere altro, di avere stimoli, di bloccarmi un’ora davanti alle tele di un museo, di stare anche un po’ con me stessa.  Ho bisogno di carica. E poi ci sono le ragazze, che non mi abbandonano mai… C’è sempre qualcosa di memorabile nei nostri viaggi…
chissà…
che gran caos!
Come se non bastasse in questi giorni ho conosciuto un po’ di persone, sempre cose strane le mie…un tipo di Londra, un partenopeo e un tipo figo che abita invece dalle mie parti.
Li sto conoscendo, tanto se son rose, appassiranno….
un’altra delle mie paure di questo periodo è quella di essermi trasformata nei miei ex, di star commettendo gli stessi loro errori.
Allontanare la gente da me per difesa, per non impantanarli…sto costruendo barriere…e non l’ho mai fatto!
Non lo so….so solo che sono molto confusa.
Credo che ci vorrebbe un anno di ferie, su Marte però…

 

 

Annunci

10 thoughts on “Houston…

  1. Ciao! E’ molto triste quello che scrivi… Quanti anni hai? Mi auguro che dopo questo viaggio tu riprenda a sorridere! Nel frattempo, ti ho nominata con molto piacere in un tag carino, sfizioso e leggero. Mi farebbe un sacco piacere se mi rispondessi! Un bacione, Jenny!:*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...