Paradossi di novembre

Domenica pomeriggio. Mentre il resto del mondo è in giro a crogiolarsi al sole io sono sui libri a studiare Shakespeare per l’esame di abilitazione. Caro William, io ti voglio bene, davvero, ma perché scrivere tutte queste opere con tutti questi personaggi? La mia memoria ha deciso di ribellarsi. Non memorizzo più niente. Sarà che ho tanti pensieri. Sarà che ho studiato tanto, sarà che il fantasma di Fritz mi tormenta, sarà che tra dieci giorni io potrei avere una brutta sorpresa. Concentrazione zero insomma, ho deciso che devo dedicarmi solo a questo benedetto/maledetto esame che potrebbe aprirmi nuove porte. Poi si vedrà. Intanto ho mollato il lavoro di insegnante al doposcuola per incompatibilità con la proprietaria del centro, una tra le persone più incompetenti e velenose che io abbia mai incontrato nella mia vita. I bambini mi mancano. Alla fine piccola peste è diventato il mio miglior amico e i suoi genitori mi adoravano. Paradossi. Non ho rimpianti Ho insegnato loro, in quel poco tempo, che la follia è una dote e se avessero assecondato i loro sogni, sarebbero diventati ciò che volevano nella vita.  Credo che i bambini di oggi debbano essere rassicurati sul loro futuro, hanno bisogno di qualcuno che creda in loro. E Mi mancano quelle canaglie, si…
ad ogni modo, va bene cosi….sono in fase di cambiamenti e in questi giorni non mancano affatto.
E’ arrivata a sorpresa in città una delle mie migliori amiche  e cosi ci siamo viste. Siamo uscite con un nostro amico appena tornato da Londra dopo anni di permanenza in Uk, è’ un fotografo molto bravo, ha lavorato per aziende importanti. La mia amica è una modella e così le ha proposto di fotografarla, ma la cosa assurda è che abbia proposto a me, e sottolineo  A ME, di posare come modella per delle foto di nudo.

O_o s’è bevuto il cervello. Io?  avrà bevuto qualche birra di troppo probabilmente. Non sono proprio il soggetto adatto. Comunque ultimamente i miei amici uomini stanno male di brutto. La settimana di scorsa uno di loro ha decretato che io sarei Rocco Siffredi al femminile per via delle mie misure.   Non ho parole!!!!!
Ecco Shakespeare non me lo avrebbe mai detto, quindi credo sia meglio che torni a studiare.

ce la posso fare!

1924842_752008961506603_2625284229847177287_n

Annunci

4 thoughts on “Paradossi di novembre

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...